La Vigna di Sarah

Selezione e originalità sono alla base della produzione garantita dall'Azienda agricola “La Vigna di Sarah”, aperta nel 2010 sulle colline intorno a Vittorio Veneto. Sarah Dei Tos, la dinamica e appassionata titolare ...

Enoteca Cefalo, le eccellenze del Molise ed etichette rare da scoprire

Un lavoro, una passione e una missione: per l’Enoteca Cefalo il vino è tutto questo e molto altro. Da decenni nel settore della distribuzione e della vendita di bevande, sia alcoliche che analcoliche, questa attività è un esempio di grande imprenditorialità e lungimiranza.

Un grande assortimento di etichette, il legame con bar, ristoranti, pub, pizzerie ed alberghi, ma anche con i clienti che vogliono gustare un buon bicchiere di vino, ha reso questa enoteca un punto di riferimento nel Molise. Abbiamo intervistato il signor Gennaro, proprietario e gestore, insieme al cugino Fabrizio, di questa storica enoteca in cui scoprire etichette rare e respirare la passione per il vino.

Partiamo dal principio: come nasce l’enoteca Cefalo?

La nostra storia inizia diverso tempo fa. Nel 1950 mio nonno commerciava vino, producendolo sino agli anni Ottanta. In seguito l’azienda si è trasformata in un’attività di distribuzione del vino. Abbiamo creato un’enoteca con annesso magazzino, crescendo di anno in anno grazie ai miei genitori – subentrati negli anni Sessanta – e in seguito al mio intervento e a quello di mio cugino Fabrizio. Siamo cresciuti tantissimo, grazie a passione e dedizione, partendo da ottanta etichette per arrivare a più di mille.

Il vinaio di Torino, etichette ricercate e una magia senza tempo

Scaffali che accolgono etichette ricercate, il calore dei mattoni e del pavimento in cotto che creano un’atmosfera familiare, il profumo della tradizione che si unisce alla passione, proprio nel cuore di Torino. È la magia dell’enoteca Il vinaio, un locale storico, tramandato di padre in figlia, dove l’amore per il vino e la voglia di raccontare questo mondo sono più forti di ogni cosa. Siamo andati a trovare la proprietaria, Manuela Zacchello, per scoprire cosa si nasconde dietro un’attività di successo.

Partiamo dalle origini: come nasce l’enoteca Il vinaio?

Era il 1999 quando il mio amato papà, rappresentante di Champagne, decise di acquistare l’enoteca. All’epoca il locale era già abbastanza conosciuto e aveva alle spalle cinquant’anni di attività. Da quel momento l’abbiamo gestita insieme, poi, quando mio padre è venuto a mancare, sono subentrata da sola alla guida dell’enoteca. A guidarci è sempre stata la passione per questo settore, così tanto che io ho lasciato il lavoro per gestire l’attività al meglio e inseguire quello che mi rendeva felice.

Fra etichette d’eccellenza e amore per il territorio: alla scoperta dell’Enoteca Egina

A Monselice, in provincia di Padova, si nasconde un vero e proprio tesoro per gli appassionati di vino: l’enoteca Egina. Un locale storico dove si respira la passione per l’enogastronomia e in cui tradizione e voglia di sperimentare si incontrano in un matrimonio perfetto. Abbiamo incontrato il signor Andrea, proprietario dell’enoteca, per parlare di vino, di amore per il territorio, ma anche del futuro del settore e dei nuovi prodotti su cui puntare.

Come nasce l’enoteca Egina?

L’idea di aprire un’enoteca è stata una vera e propria avventura per me e mia moglie Roberta. Sino al 2017 ci occupavamo di fiere e mercati in giro per l’Italia. Questo ci ha permesso di coltivare la passione per l’enogastronomia, scoprendo ottime cantine. Da qui abbiamo maturato l’idea di rilevare un locale storico di Monselice per coltivare questo amore in comune e iniziare un nuovo capitolo.

Come è cambiata nel tempo l’enoteca e quale è stata l’impronta che avete dato?

Negli anni siamo cresciuti tantissimo e quello che ci ha fatto andare avanti è stato soprattutto il buon riscontro che abbiamo ottenuto da parte dei clienti. Tutto è iniziato grazie alla passione e il vino non ci ha mai deluso, dandoci tantissime soddisfazioni dal punto di vista umano e dei prodotti.

Enoteca Vino Vino, fra vini straordinari e perle del territorio

Legno chiaro, un antico bancone in marmo e una passione sconfinata per il vino: l’enoteca Vino Vino è come la vedi, un concentrato di straordinaria qualità, unita alla competenza dei proprietari, Giorgia e Fabrizio. Un locale simbolo di Terni e un punto di riferimento per chi ama il buon bere, fra etichette che arrivano da lontano, grandi nomi italiani e piccole perle del territorio.

Abbiamo intervistato Fabrizio Fucile, proprietario dell’enoteca con sua moglie Giorgia, come lui sommelier, per scoprire cosa si nasconde dietro un’attività di successo che ha sempre puntato sulla qualità.

Come nasce l’enoteca Vino Vino?

La nostra è l’enoteca più antica e storica della città. Nasce come drogheria negli anni Cinquanta, in seguito è stata rilevata nel 1978 dalla famiglia di mia moglie. Sono oltre quarant’anni che abbiamo creato l’enoteca ed il nostro orgoglio. Ci abbiamo messo passione e dedizione. Con il tempo ci siamo sempre più specializzati, puntando sulla qualità. Al centro di tutto c’è il vino, ma siamo anche una drogheria. Nel periodo sia pasquale che natalizio diventiamo un punto di riferimento nella zona per spezie, canditi, cioccolata e grano per pastiera.

Enoteca Arcioni, la storia di una grande famiglia nel vino

Spirito d’impresa, creatività e determinazione: quella dell’enoteca Arcioni è la storia di una grande famiglia. Negli anni, una generazione dopo l’altra, gli Arcioni sono cresciuti fra le mura di questa attività e l’hanno migliorata e arricchita, rendendola unica. Camminando fra gli scaffali dell’enoteca romana è impossibile non restare rapiti dalla forza e dalla bellezza di tutto ciò che racchiude questa attività che ha superato traguardi, ostacoli e momenti storici, mettendo sempre al centro di tutto la passione per questo lavoro.

Abbiamo parlato con Massimo, titolare insieme al fratello Claudio, di questa perla del buon bere nel cuore di Roma. Ecco cosa ci ha raccontato.

Come nasce l’enoteca Arcioni?

L’enoteca fa parte di un complesso creato nel 1932, il centro vini è arrivato grazie al fiuto di mio padre e al suo coraggio. Una svolta nata dalla ricerca di vini di alta qualità in un periodo in cui c’erano pochissime etichette. Io e i miei fratelli siamo cresciuti in un locale all’avanguardia per l’epoca. Per noi ragazzi si trattava di un diversivo, di un divertimento: è iniziato così e si è trasformato nel lavoro di una vita.