Vendita diretta del vino in Italia: a che punto siamo?

Lo sviluppo della vendita diretta in Cantina: a che punto siamo in Italia?

La visita e l’acquisto del vino direttamente in cantina sono un’attività che interessa sempre più turisti, ma anche i residenti che desiderano avere un contatto con il produttore. Negli ultimi anni è aumentato il desiderio di approfondimento di ciò che si beve e si mangia, da parte di una fascia di consumatori sempre più consapevoli. Se prima infatti le cantine vendevano principalmente attraverso i canali di distribuzione, ora invece possono valutare a tutti gli effetti nel loro piano economico anche la vendita diretta che in Italia è in aumento.

Il turismo del vino, un input importante per la vendita diretta

Sicuramente il turismo del vino sta giocando un ruolo molto importante nella vendita diretta in cantina. In Italia chi monitora l’andamento di questa particolare tipologia di turismo è principalmente il Movimento Turismo del Vino che da oltre 20 anni lavora affinché le cantine diventino una vera e propria attrazione turistica. Uno degli eventi di punta di MTV è Cantine Aperte che ogni anno riscuote un grande successo tra il pubblico nazionale e internazionale. A differenza di alcuni anni fa però, oggi molte cantine italiane sono aperte ogni giorno dell’anno e possono confermare che le vendite dirette in seguito alla visita in azienda stanno registrando numeri sempre più rilevanti. Malgrado il fallimento dei progetti “Strade del vino” e l’aiuto solo parziale da parte delle Amministrazioni Pubbliche, qualcosa si sta muovendo nel nostro Paese e ora per tutti i produttori vinicoli effettuare visite e degustazioni in cantina potrebbe diventare più semplice, senza dover essere per forza classificati come agriturismo. La vendita diretta del vino quindi ha un forte collegamento con la crescita dell’enoturismo e anche se manca ancora un coordinamento a livello nazionale che proponga l’Italia all’estero come destinazione del vino, in realtà le cantine stesse e i privati stanno lavorando duramente affinché questa realtà diventi sempre più preponderante nelle voci del fatturato aziendale.

La situazione della vendita diretta in Italia

La vendita diretta di vino in Italia rappresenta circa il 13% delle vendite totali. Si tratta ancora di una percentuale minore rispetto ad altri canali di vendita come ad esempio la GDO, le enoteche e l’ Ho.Re.Ca. Malgrado questo è in netto aumento rispetto al 2010 e, tranne un lieve calo registrato nel 2012, continua a crescere ogni anno. Questo dato assume ancora più valore se confrontato con le vendite presso la GDO che invece stanno lievemente calando. A beneficiarne sono in particolare i grandi vini, le etichette più pregiate che registrano numeri sempre più elevati con la vendita diretta. Si può dire quindi che ci sia sempre più attenzione da parte del consumatore ad avere un contatto diretto con il produttore e a scoprire i metodi di vinificazione, prediligendo quindi l’acquisto in cantina rispetto ad altri canali. Per le cantine italiane si tratta di un’importante opportunità che, se adeguatamente sfruttata insieme ad altre piattaforme e marketplace, può portare a un notevole aumento del fatturato.

 

Written by Anna Fornaciari