Il Ragù alla Bolognese ha la ricetta ufficiale

L’Italia è decisamente una terra di sughi e di salse ma è il Ragù classico alla Bolognese a rappresentare la ricetta forse più famosa. Tanto è vero che, dal 1982, quella originale risulta depositata presso la Camera di Commercio di Bologna: battuto, pancetta e tanta carne macinata di manzo, a cui aggiungere vino rosso e passata di pomodoro.

Naturalmente rigorosa la ricerca qualitativa degli ingredienti, a partire dal macinato e dalla pancetta di primissima scelta, che poi vanno amalgamati con attenzione. Si parte dal battuto (carota, sedano e cipolla) che va fatto “appassire dolcemente” e poi si fa “sfrigolare” la carne. Quindi si unisce il tutto e si introducono gradualmente prima il vino e poi il pomodoro (non troppo). E soprattutto si fa bollire lungamente a fuoco lento, anche aggiungendo del brodo e volendo, una ventina di minuti prima di spegnere, un mezzo bicchiere di latte.

Nessuno vieta di condire gli Spaghetti con il Ragù, solo che non si tratta di quel piatto tipico tanto decantato e venduto all’estero come un simbolo. Il Ragù alla Bolognese è nato per la pasta fresca, in particolare per le tagliatelle, tanto che per quella secca è ammissibile aggiungere la panna.